ROLL CAKE LAMPONI VANIGLIA E PEPE ROSA

"L’arte del kintsugi"

Le ricette create da noi, fanno parte di un nostro momento, cucinare con la precisa intenzione di costruire la nostra individuale realtà. E così oggi ho deciso di farmi una torta, una torta confortante, di quelle che ti fanno sentire meno sola, segno rappresentativo di una metamorfosi obbligata verso un’altra me, una torta che racchiude in se tutto il significato della rinascita. Abbiamo perso i ricordi, le storie trovate lungo il cammino, abbiamo perso le parole e la semplicità dei gesti che forse mai più ritroveremo, abbiamo perso molto annegando in un mare di indifferenza, la stessa che ormai fa parte integrante di noi. Le rotture anche se aggiustate o abbellite, rimarranno comunque rotture. Ci rimarrà per sempre nell’animo il ricordo di ciò che si è spezzato, nulla sarà più come prima e tutto ci riporterà inevitabilmente a quel ricordo. Il modo in cui “aggiustiamo” ciò che si è rotto è molto personale, io lascio scivolare tutto, cercando di portare nel cuore solo il bello di quel che non esiste più, un po’ come ho fatto con questa torta, tenere solo le parti migliori, fissarle in in un modo differente e cospargere la nuova realtà con polvere d’oro e argento.

 

RICETTE CORRELATE